mercoledì 26 agosto 2009

il Quotidiano della Satira conquista Vigne e Vignette


Arcadia Communications, la rodata macchina organizzativa che da più di un decennio mette in piedi il prestigioso Sannio Film Festival, nei giorni scorsi si è cimentata per la prima volta con la satira creando dal nulla la prima edizione di Vigne e Vignette e ponendo delle eccellenti premesse per il futuro della manifestazione stessa e del bistrattato movimento satirico italiano. Le alte mura dell'antico borgo medievale normanno di Sant'Agata de' Goti, in provincia di Benevento, hanno costituito il suggestivo scenario dell'evento.

In questo incantevole luogo, dove si produce del vino inebriante (e ubriacante), si è verificato l'incontro ravvicinato del terzo tipo tra vigne e vignette.

L'ameno accostamento delle due “specialità” viene chiarito dagli organizzatori con queste righe...
“Così come talune verità possono essere svelate o smascherate soltanto dopo un (o meglio, due) buon bicchieri di vino, così a volte soltanto la satira - in questo caso specifico, una vignetta - riesce a cogliere il senso comune di un episodio, riesce a raccontare ai più la complessità di un accadimento, un evento particolare più di tanti articoli di stampa o di un servizio giornalistico accurato.”
Ho partecipato alla manifestazione da inviato speciale del Quotidiano della Basilicata e, facendo anche parte della costola redazionale-satirica dello stesso, ho potuto toccare con mano esperta il buon livello delle vignette esposte.
Tanti gli autori presenti. Su tutti la simpatia strabordante e la sincerità impagabile del nostro Umberto Romaniello (il vincitore assoluto della manifestazione), il lucano Rocco Grieco (con il suo enorme bagaglio di esperienza umana e artistica – un vero maestro), la garbata intelligenza del grande Darix (straordinario compagno di magione) e la sorprendente timidezza del giovane e arguto Scorpione (con il quale abbiamo intavolato delle belle e profonde discussioni sulla satira).
Ho avuto modo, purtroppo, solo di stringere la mano e scambiare qualche parola con il bravo Ignant (Ignazio Piscitelli) e con la parte letteraria dei simpatici e virtuosi Malù.
Tutti autori del Quotidiano della Satira, così come la quasi totalità dei vincitori nelle varie categorie (il premio speciale della giuria, alla carriera, è stato assegnato al potentino Mario Bochicchio).

In un momento in cui alla satira vengono a mancare gli spazi necessari alla sopravvivenza (basti pensare alle recenti chiusure di Emme, allegato satirico dell'Unità, e di Paparazzin sulle pagine di Liberazione) una boccata di ossigeno la fornisce questa manifestazione che promette, nelle prossime edizioni, di affermarsi come un punto di riferimento irrinunciabile per il movimento satirico nazionale.

Giulio Laurenzi

9 commenti:

Anonimo ha detto...

perchè tante inesattezze in questo " articolo"?
Su vigne e vignette non siparla di "vincitore assoluto" ma di vincitori per ognuna delle quattro categorie....Premio alla carriera? Solo premio speciale della giuria! ecc ecc.... Che peccato rovinare una cosa così bella con queste inutili balle!!

Giulio Laurenzi ha detto...

Mentre stavo scrivendo il pezzo ho chiamato Domenico Giordano (il direttore artistico della manifestazione) e mi sono fatto spiegare il peso dei vari premi. E' stato lui a chiarirmi il fatto che Umberto fosse il vincitore assoluto dell'evento perché la categoria di satira politica è la più importante e quella che aveva più vignette in concorso. Sempre Domenico Giordano mi ha spiegato che il tuo (Mario Bochicchio?) è invece un premio alla carriera. Ho l'obbligo di verificare le fonti e l'esattezza delle informazioni, è quello che ho fatto.

Mario Bochicchio ha detto...

Non è mio costume comunicare in forma anonima ! ! !

Arnaldo Amabile ha detto...

Iniziativa davvero interessante peraltro con location da raffinati sommelier: il Sannio, si sa, è terra di grandi vini DOC, come peraltro tutta la Campania (a proposito, è di qualche giorno fa la degustazione di un vino da tenere... in cassaforte, il "Montevetrano" di Silvia Imparato, che emerge anche per la bellezza DOC).

Complimenti ai vincitori e... all' "invinato" speciale Giulio Laurenzi.
Per la prossima edizione (e iniziative analoghe, fateci sapere...)

Giulio Laurenzi ha detto...

Mario, scusami, ma avevo pensato a te (evidentemente sbagliando) a seguito della telefonata che c'era stata tra noi mentre stavo scrivendo il pezzo.

Giulio Laurenzi ha detto...

Ho solo difeso il mio articolo da, a mio parere, ingiustificati attacchi. Non era mia intenzione creare malcontenti di nessun tipo scrivendolo, ma solo di rendere merito a tutti i colleghi che ho conosciuto e alla fantastica organizzazione.

loscorpione ha detto...

vai così Giulio!

Giulio Laurenzi ha detto...

Grazie Scorpius e grazie Arnaldo. Erano proprio i commenti che speravo di ricevere per questo articolo.

Grieco ha detto...

GULP !!...Io sono rientrato oggi e vedo che mi sono perso un pò di cose ....MAH !!!!
Alla prossima